martedì 14 ottobre 2008

Una modesta proposta

Si fa un gran parlare del peso delle cosidette imprese criminali in molte regioni italiane: la loro presenza strangolerebbe l'economia pulita, cioè quella benedetta dal moloch statale e dal morbo sindacale. Una Confindustria sempre più arrendevole ha addirittura minacciato di espellere colori i quali si decidano a pagare il pizzo. In verità se lo stato fosse più efficiente queste imprese non prospererebbero, il mercato le ha premiate e solo col mercato si potranno punire. Sembrerà quindi la solita bella eresia liberale, una speranza contro corrente, ma l'unico modo di risolvere i problemi dei cittadini sarebbe quella di un sostanzioso voucher con il quale imprese possono decidere a quale agenzia di sicurezza affidarsi. Molte risorse potrebbe arrivare dai tagli all'istruzione pubblica - non esiste miglior scuola della vita vera, come è noto. La rivalità tra le cosidette cosche garantirebbe il perseguimento della qualità, ed è facile prevedere che a rimetterci ci sarà la solita casta statale da sempre al riparo della concorrenza nell'erogazione dei servizi pubblici.

5 commenti:

Daniele ha detto...

ma sei un genio! e perchè non liberalizzare anche la giustizia? ognuno potrebbe amministrarla come preferisce, facendo emergere il miglior sistema, o il più violento.

Giorgio Jannis ha detto...

Coerentemente libertario. Compresa la cosa della giustizia.

l'uomo blogettile ha detto...

Sempre meglio di chi pensa di battere la mafia sul web!

Icekent ha detto...

sostituire ufficialmente lo stato con la mafia. sarebbe un modo certo per far pagare le tasse, anche se si chiamerebbero pizzo.

harlot ha detto...

Ciao! Anche io mi batto per la dignità dell'impresa mafiosa da portare almeno in parlamento!!111undici